IL PAESE DI KARDAMYLA A CHIOS

Il paese di Kardamyla si trova all’ estremitá nord-orientale dell’ isola di Chios. Il percorso dalla cittadina di Chios è di 30 minuti e la strada attraversa i paesi di Vrontados, Pantoukios e Lagada.

Il viaggiatore vede Kardamyla all’ultimo momento, perchè è costruita nell’ omonima piana, circondata dai monti; la sua posizione vicino al mare si lega armonicamente con il vicino paesaggio montano ed offe all viaggiatore uno splendido panorama.


DATI STORICI SU KARDAMYLA

In tutta la zona di Kardamyla sono sparse tracce di civiltà passate dall’epoca dei Pelasgi, alle guerre persiane, fino all’epoca romana e bizantina.

Lo testimoniano le mura e le pietre lavorate, come pure le decine di nomi arcaici e greci (toponimi). Il nome Kardamyli, che in tempi più recenti è divenuto Kardamyla, è puramente greco, non ha origine esclusivamente greca e deriva probabilmente dalla parola “cardamo”, una pianta che abbondava nella zona.

Nella zona erano situate, un tempo, città importanti e storiche come Kila, Delfini e Parpanta, che, insieme ai paesini circostanti costituivano l’odierna Kardamyla. Quando ciò avvenne con esattezza, non é noto. La tradizione dice che gli abitati delle città e dei paesi si ritirarono pian piano, per paura dei pirati, sulla posizione fortificata, dove si trova oggi Kardamyla, così abbandonarono città e paesi. Sul monte Pelineo, il monte piá alto di Chios, veneravano Giove Pelineo, culto poi sostituito da quello del profeta Elia, ossia del dio Sole.

E citata da Tucidide come Kardamyli, città in cui sbarcarono gli ateniesi nel 411 a.C. Nel periodo ellenistico e romano, svolge un ruolo di rilievo, grazie alla sua posizione.

Nel Medioevo fu vittima delle incursioni piratesche. Gli abitanti costruirono quindi castelli e torri di guardia, in tutta la zona circostante. Kardamyla non fu risparmiata nella strage di Chio del 1822. Fu annessa alla Grecia, come il resto dell’ isola, nel 1912.

Oggi Kardamyla e costituita da tre insediamenti : Kardamyla (o Kardamyla di sopra) costruita sulle falde del monte Gria, il porticciolo Marmaro ed il suo proseguimento, il pittoresco quartiere di Rachi.


MONUMENTI DA VISITARE

Le chiese di Kardamyla sono rinomate. Il monastero di “Pera Panagia” con icone del secolo scorso, San Nicola Prinariti costruita nel XII sec. con affreschi del XVI sec, San Luca con la sua splendida iconostasi in legno, la chiesa di “Panagia Ypapanti” (Purificazione della Madonna) del 1450 con un esempio di chiostro ciottolato e San Giorgio, con il Famoso Campanile e affreschi del XVI sec.

Il Centro Culturale di Kardamyla, costruito nel 1964 sulle rovine del torrione centrale del castello, ospita manifestazioni artistiche e letterarie. Al pianterreno, si trova la biblioteca-sala di lettura con oltre 2000 volumi scelti e rari ed il museo della tradizione popolare e religiosa.

Nella piana di Kardamyla sono sparsi decine di pozzi ad argano utilizzati nella coltivazione degli agrumi. Sui colli attorno a Kardámyla si trovano i resti che testimoniano il loro utilizzo nella pigiatura dell’uva, a riprova di una lunga tradizione storica nella produzione di vino.

Nel porticciolo di Kardamyla, Marmaro, si può visitare la chiesa di San Nicola con la iconostasi in marmo, il monumento all “Ignoto Marinaio” sulla banchina, opera del grande scultore Apartis (foto a sinistra), la vecchia dogana (costruzione risalente al periodo della dominazione turca) e la palazzina Vassilakis di carattere neoclassico. Infine, i mulini a vento sparsi sulla costa.

A sud di Kardamyla si trova la baia di Delfini con l’isolotto Tavros. Un torrente dalle acque cristalline attraversa la vallata omonima dai monti fino al mare; lo si puo visitare solo in parte a causa delle installazioni militari nella zona; la sua importanza geografica nell’ antichità era notevole a causa della morfologia. La zona di Kila, al contrario, è situata in zona montuosa, vicino al paese di Pityos a 500 m di altitudine, con un fantastico panorama verso l’ isola di Inousse e la costa turca che la fronteggia. Sull’ altura, si salvano le rovine della Torre di Kila, testimonianza della prosperità della zona durante il Medioevo.
SPIAGGE

Vicino a Kardamyla si trova la spiaggia di Vlichada con la vallata omonima, fitta di olivi e pini. Procedendo verso nord, si incontra Gialiskari, con la sua pittoresca insenatura. 5 km a nord di Kardamyla si trova la valle di Nagos, ricca di vegetazione e di alti platani, con una spiaggia incantevole.

Segue Giosonas, con la costa fitta di pini e orti e le montagne aspre e imponenti intorno. Infine Ampelos, una spiaggetta con ciottoli multicolori, raggiungibile per un sentiero dalla strada principale.



 

Pensione Spilia – Abitazioni tradizionali- Localita Spilia- Kardamyla- 82300 Kardamyla Chio –Grecia
Tel: (+ 30)- 22720-22933, 22823- fax: (+30)-22720-22823, cellulare: 6945-319737
email: info@spilia-chios.gr

Created & Hosted by: Chiosnet
Home | Presentazione | Stanze | Prenotazioni | Pubblicazioni | Kardamyla | Informazioni sul viaggio